Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Ulteriori informazioni

MisterJump - Diving Center Ustica

Immergersi ad ustica

Sutta a Za’ Lisa

Sutta a Za’ Lisa

Vedi la gallery
Tipologia immersione: Parete, cigliata
Brevetto minimo: Neofita-intermedio
Difficoltà: Medio / Bassa
Profondita: 15/ 30 mt
Corrente: Debole e occasionale
Visibilità: Buona
Temperatura: 24/26 °C
Nome decisamente poco usuale per un’immersione vero? Volete sapere perché? Beh, questa storia ci riserviamo il piacere di raccontarvela di persona e regalarvi una risata!

Arrivati in una caletta, dove i colori che vediamo dalla superficie sono invitanti per fare un bagno e goderci l’acqua cristallina prima di dare inizio alla nostra immersione, iniziamo ad indossare l’attrezzatura e dopo il briefing ci tuffiamo; la discesa lenta lungo la cima dell’ancora ci permette di facilitare la compensazione e di raggiungere una profondità iniziale di circa nove metri, pian piano seguendo la batimetrica vediamo degradare dolcemente il fondale in un alternarsi di posidonia e grossi massi.

Questo sito è caratterizzato da colori davvero spettacolari perché tanti sono gli anfratti e passaggi ricoperti di “Margherite di mare (note come Parazoanthus) ” e “Madrepora arancione (nota come Astroides)”.

Diverse le specie di nudibranchi che troviamo come le Flabelline Rosa, le Vacchette di mare e Cratena Peregrina.

Continuando a pinneggiare ci portiamo nel blu fino alla profondità massima di circa venticinque metri dove l’incontro con Ricciole e grossi Saraghi non è una rarità.

Dopo trenta minuti controlliamo il nostro manometro e quando il primo indica 100 BAR cominciamo il nostro rientro raggiungendo una profondità minore e avvicinandoci alla parete che ci guiderà all’ingresso di un bellissimo anfiteatro caratterizzato da particolari giochi di luce. I colori degli organismi acquatici che tappezzano la volta di questa grotta semi aperta creano un’alternanza di colori davvero unica nel suo genere.

Insomma per i sub amanti della fotografia quest’immersione è sicuramente interessante!

* testi tratti da "La Rivista - Speciale Ustica", edizione 2010

Torna indietro
Mostra tutte le zone